Indicatore di attività economica - Valle d'Aosta - Giugno 2013

Nel secondo trimestre del 2013 l’indicatore di attività economica della Valle d’Aosta permane in una fase di stazionarietà, e nel mese di giugno si attesta su una variazione negativa contenuta, -0,6%.

L’andamento di alcune variabili che contribuiscono alla stima dell’indicatore.

DOMANDA ESTERA E INTERNA

Il ritmo degli scambi con l’estero, sebbene di consistenza non rilevante per l’economia regionale, nel secondo trimestre del 2013 rallenta: il volume delle esportazioni registra una contrazione del -7,5% (a/a) e le importazioni si riducono in maniera ancora più rilevante, -21,3% a/a. Il surplus della bilancia commerciale sale a 99,3 milioni di euro, e corrisponde al 63,6 % delle esportazioni del trimestre.

Il boom delle immatricolazioni di auto registrato a partire da settembre 2011, e dovuto al fatto che le Regioni a statuto speciale non sono state interessate dall’aumento dell’imposta provinciale di trascrizione (Ipt), si è ormai esaurito e nel mese di agosto 2013 si registra una nuova consistente riduzione, quasi -67% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

MERCATO DEL LAVORO

Nel secondo trimestre del 2013 si registra un leggero calo del numero totale degli occupati, -0,5% (appena 264 unità). A livello settoriale, però, si nota che tale riduzione è stata più consistente nel settore industriale (-9,1%, pari a oltre 1.130 unità) e in parte anche in quello agricolo (-4,9%, pari a quasi 120 unità), mentre aumentano gli addetti nei servizi (+2,5%, 987 unità). Nello stesso periodo il tasso di occupazione riporta una lieve riduzione (-0,1%), mentre, contemporaneamente, aumentano il tasso di attività (+0,6%) e il tasso di disoccupazione (+0,9%).

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE

Il numero delle imprese attive si riduce, -0,9% a/a, con un calo particolarmente rilevante delle nuove iscrizioni, -11,8% a/a, e un deciso aumento delle cessazioni, +10,2% a/a, sempre nel secondo trimestre dell’anno.