Indicatore di attività economica - Liguria - Giugno 2013

Nel secondo trimestre del 2013 prosegue il processo di risalita (iniziato nel dicembre 2012) dell'indicatore di attività economica della Liguria che, anche se permane su variazioni negative, nel mese di giugno si attesta al -2,2% su base annua.

L’andamento di alcune variabili che contribuiscono alla stima dell’indicatore.

DOMANDA ESTERA E INTERNA

Gli scambi con l'estero risultano in sensibile riduzione: nel secondo trimestre dell'anno il volume delle esportazioni segna un significativo calo, -25,4% su base annua, e si registra un'analoga riduzione delle importazioni, -24,9% sempre su base annua. Il deficit della bilancia commerciale scende a 745,6 milioni di euro, pari al 46% delle esportazioni del periodo.

Dopo un leggero rialzo nel mese di luglio, +0,8%, le immatricolazioni di nuove auto evidenziano una notevole riduzione in agosto 2013, -12,7%.

MERCATO DEL LAVORO

La situazione del mercato del lavoro risulta alquanto problematica nel secondo trimestre dell’anno. Il numero degli occupati è sceso decisamente, -3,2% su base annua (quasi 20.400 unità), con riduzioni in tutti i settori di attività: nel settore agricolo il calo risulta pari a -11,1% (oltre 1.700 unità), nel settore industriale del -1,8% (quasi 2.300 unità) e in quello dei servizi del -3,3% (circa 16.400 unità). Si riducono, nello stesso periodo, il tasso di attività, -0,2%, e quello di occupazione, -1,6%, mentre il tasso di disoccupazione aumenta in modo consistente, +2,2%.

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE

Nel secondo trimestre 2013, il numero delle imprese attive si riduce del -1,2% su base annua, con un forte calo delle nuove iscritte, -8,7%, e anche delle cessate, -4,6%.