Indicatore di attività economica - Friuli-Venezia Giulia - Giugno 2014

L’indicatore di attività economica del Friuli-Venezia Giulia torna a diminuire nel secondo trimestre del 2014, attestandosi a +0,1% nel mese di giugno.

L’andamento di alcune variabili che contribuiscono alla stima dell’indicatore.

DOMANDA ESTERA E INTERNA

Nel secondo trimestre dell’anno si è verificata una flessione delle esportazioni, -3,5% su base annua, e una riduzione meno consistente delle importazioni, -2% (a/a). In aumento il surplus della bilancia commerciale (1.765,4 milioni di euro) che corrisponde ad oltre il 52% delle esportazioni del trimestre stesso.
Segnali positivi provengono dalla domanda interna, le immatricolazioni di nuove auto registrano un consistente aumento nel mese di luglio (+12% a/a) e più contenuto in agosto (+5,3% a/a).

MERCATO DEL LAVORO

Segnali incoraggianti dal mercato del lavoro. Nel secondo trimestre del 2014 aumentano gli occupati totali (+2,4% a/a, 11.663 unità), quelli dell’agricoltura (+36% a/a oltre 3.600 unità), del settore industriale (+3,6% a/a quasi 5.757 unità) e, in misura minore, dei servizi (+0,7%, quasi 2.300 unità). I tassi di attività e di occupazione aumentano in modo significativo su base annua, rispettivamente +2,3% e +2%. Unica nota negativa il lieve aumento del tasso di disoccupazione (+0,2%).

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE

Si registra, sempre nel secondo trimestre del 2014, una riduzione del numero delle imprese attive, -0,7% a/a, una contrazione molto consistente delle nuove iscritte (-12,4% a/a) ed un aumento delle cessazioni (+4,4% a/a). Il saldo tra iscrizioni e cessazioni, in rapporto alle imprese attive, è stato positivo, +0,4%, così come l’anno precedente, +0,6%.